Sedia ergonomica da ufficio: i vantaggi, le tipologie e le cose da sapere

Chi svolge un lavoro in ufficio o a casa che lo costringe a stare molte ore seduto ad una scrivania davanti al computer o a compilare documenti, ha bisogno di assumere una postura corretta per non incombere in seri problemi di salute, come forti dolori alla schiena, alla cervicale o alle gambe.

Oltre a sforzarci e a stare attenti per non adottare posture scorrette, come schiena troppo ricurva o corpo piegato su un fianco, ci sono le sedie ergonomiche che possono venire in soccorso. Usando una di queste possiamo assumere una postura corretta e sana per la nostra schiena cercando semplicemente di appoggiarci allo schienale seguendo le linee della sedia.

Le varie sedie ergonomiche da ufficio sono molto diverse tra loro, sul mercato se ne possono trovare diverse tipologie e qui di seguito vedremo quali. Analizzeremo nel dettaglio anche i vantaggi di queste sedie, alcuni dei quali li abbiamo già accennati parlando di rischio ergonomico delle postazioni di lavoro e degli elementi da valutare per garantire che la postazione di lavoro sia ergonomiche.

sedia ergonomica

Sedie ergonomiche da ufficio: caratteristiche indispensabili

Le sedie ergonomiche hanno delle caratteristiche distintive che le rendono la scelta migliore per la postura. Ma esistono anche diverse tipologie di sedie ergonomiche, e a seconda della tipologia si dovranno andare ad analizzare caratteristiche differenti. Nelle sedie ergonomiche più “classiche” troveremo sicuramente uno schienale comodo, ma non è certamente questo da solo a renderle, appunto, ergonomiche.

Troveremo quasi sicuramente delle rotelle direzionali, che devono permettere spostamenti senza sforzo restando seduti. Una caratteristica fondamentale è poi la possibilità di regolare l’altezza della sedia, l’inclinazione dello schienale e talvolta anche la seduta, operazioni che solitamente possono essere fatte tramite delle levette poste sotto la sedia stessa. Queste regolazioni permettono di evitare di inarcare in modo scorretto la schiena, irrigidendo i muscoli, mentre lavoriamo al computer.

sedia ergonomica 3

Lo spazio che c’è tra sedia e pavimento dovrà essere regolabile orientativamente tra i 40 cm e i 52 cm di altezza. In questo modo si avrà la possibilità di poggiare i piedi per terra, tenere le cosce parallele al pavimento e le braccia parallele al tavolo. La larghezza della sedia invece deve essere non inferiore ai 41 cm e solitamente non superiore ai 53 cm, per arrivare comodamente ai braccioli. I braccioli devono essere regolabili e consentire alle spalle di rilassarsi, permettendo alle braccia di appoggiarsi comodamente. La larghezza dello schienale può oscillare invece tra i 30 cm e i 50 cm.

Per quanto riguarda la profondità della seduta, anche questa concorre alla possibilità di poggiare i piedi per terra agevolmente. La posizione che il lavoratore deve avere per assumere una postura corretta prevede che si sieda in modo da appoggiare la schiena allo schienale e allo stesso tempo avere 3/4cm circa tra il bordo anteriore della seduta e la zona posteriore del ginocchio.

Infine, attenzione ai materiali. Quelli che vanno a ricoprire schienale e sedile devono essere morbidi, traspiranti e possibilmente facilmente lavabili. Esistono delle sedie ergonomiche pensate per chi soffre di dolore al coccige, con sedile in memory foam che si sagoma per offrire il massimo comfort.

Tipologie particolari di sedie ergonomiche

Esistono tipologie diverse dalle classiche sedie ergonomiche da ufficio a cui siamo abituati, con forme particolari e utilizzi non sempre intuitivi, ma molto salutari per la schiena.

Sedia con la seduta al ginocchio

Con questa sedia il baricentro si sposta in avanti e sulle imbottiture morbide vengono poggiati gli stinchi, così da permettere al corpo di mantenere quella posizione per più ore. La posizione non è scomoda come può sembrare, anzi aiuta ad assumere una postura corretta, portando notevoli benefici a schiena e collo.

sedia ergonomica cinius

Sedia ergonomica a dondolo

Anche questa ha la seduta al ginocchio, ma possiede anche una struttura che permette al corpo di andare in avanti e poi indietro, a dondolo, oltre al pratico e comodo poggia stinchi.

sedia ergonomica a dondolo

Sedia ergonomica a sfera

La sua struttura obbliga chi le usa ad assumere una postura completamente eretta, infatti è considerata la meno comoda di tutte. Questo però conduce ad un miglioramento della postura, grazie alla necessità di riequilibrare costantemente il proprio peso sulla sedia. In questo modo si combattono anche i rischi derivanti da un’eccessiva sedentarietà.

sedia palla ufficio

I vantaggi delle sedie ergonomiche da ufficio

Come si può notare, lavorare con una sedia ergonomica ha una serie di vantaggi per la postura, ma non solo.

Sicuramente la possibilità di assumere una postura corretta con più facilità aiuta a prevenire dolori che peggiorano la qualità della vita dei lavoratori. Inoltre, sono molto comode, rendendo le ore in ufficio più piacevoli. Di conseguenza, aumenta l’efficienza e la produttività delle aziende, con lavoratori che non rischieranno di avere dolori che gli impediscano di andare a lavoro o di svolgerlo serenamente.

Infine, possiamo dire che nelle sedie ergonomiche c’è anche una certa attenzione al design e permettono quindi di arredare gli uffici con uno stile molto professionale.

Utilizziamo diversi tipi di cookie per garantirti un'esperienza di navigazione ottimale. Troverai abilitati solo quelli che permettono il corretto funzionamento del sito e l'invio di statistiche anonime sul suo utilizzo.

Vuoi abilitare anche i cookie opzionali per le finalità indicate nella Privacy e Cookie Policy?

SI NO